Loretta Goggi

Loretta Goggi ha scelto di fare testamento a favore della ricerca sul cancro.

Goggi

“Ho smesso di essere superstiziosa molti anni fa quando vicino a Capalbio, ogni mattina, nei pressi del solito piccolo bivio incrociavo regolarmente lo sguardo di un gatto nero che sembrava volermi sfidare nel decidere di attraversare la strada tranquillamente proprio al mio arrivo. Alla tentazione di invertire marcia, col tempo, si è sostituita la considerazione che alla mia età non fosse più concepibile credere ancora alla storia del gatto nero, dell'evitare di passare sotto una scala, o della morte certa dopo aver stilato un testamento. Da abbattere in verità, ci sarebbe pure l'idea che fare testamento sia una cosa solo da ricchi! Errore! E dove la mettiamo la bellezza e l'importanza di un 'testamento spirituale'? Trasmettere ai nostri cari la parte più intima e nascosta di noi per condividerla e confidarla finalmente senza remore o timori. Io vorrei considerare la decisione di un mio lascito all'Airc proprio così, come un 'testamento spirituale'! Fossero anche pochi euro, so che la ricerca potrà assicurare ai miei cari qualcosa di molto più importante di qualsiasi bene materiale che io possa lasciar loro. In un mondo di disvalori e in una società tanto priva di lungimiranza, mi fa sentire bene pensare di poter assicurare a figli, nipoti o a chiunque io ami, qualcosa come la possibilità di una 'vita' più lunga e felice: la certezza di poter contare, attraverso la ricerca, sull'assistenza, sul sostegno, sull'aiuto per una qualità di vita migliore che nessuna cifra al mondo basterebbe mai a comprare.”
Loretta Goggi

CONDIVIDI ora: