Consegnato il premio "Guido Venosta" 2012

Novembre 2012

Venerdi 9 novembre 2012, durante la celebrazione dei Giorni della Ricerca al Palazzo del Quirinale, il Presidente della Repubblica ha consegnato il Premio  "Guido Venosta" 2012 al vincitore prof. Stefano Piccolo.

Motivazione:

per i suoi studi condotti con un approccio multidisciplinare e caratterizzati da grande originalità, ha contribuito in modo fondamentale alla comprensione dei meccanismi di formazione del cancro e delle metastasi. Tali studi hanno posto le basi per migliorare la diagnosi e l’approccio terapeutico al paziente oncologico.

Il Premio biennale, istituito dalla Fondazione nel 1996 è intitolato a Guido Venosta, per oltre un trentennio presidente dell'Associazione e della Fondazione; intende valorizzare giovani ricercatori italiani che si siano particolarmente distinti nell'ambito della ricerca volta allo sviluppo di nuovi approcci terapeutici alle neoplasie.

 

Il vincitore

Prof. Stefano Piccolo, professore di biologia molecolare alla Facoltà di medicina dell’Università di Padova

CURRICULUM

Stefano Piccolo VenostaProf. Stefano Piccolo

Stefano Piccolo è nato nel 1967 a Padova. Ha conseguito con lode la laurea ed il Dottorato di Ricerca presso l'Università degli Studi di Padova come allievo del Prof. Giorgio Bressan. Si è poi spostato per quattro anni negli Stati Uniti, presso il prestigioso Howard Hughes Medical Institute dell'Università della California a Los Angeles per un periodo di specializzazione post-dottorato nel laboratorio di Edward De Robertis. In questo periodo, il Dr. Piccolo ha ottenuto fondamentali risultati nella comprensione di quali segnali guidano il comportamento cellulare durante lo sviluppo embrionale e la moltiplicazione cellulare.

Dal 1998 è rientrato in Italia, prima come Ricercatore, fino a ricoprire il ruolo di Professore Ordinario, Cattedra di Biologia Molecolare, presso la Facoltà di Medicina dell'Università degli Studi di Padova. Il ritorno in Italia ha coinciso con un forte interesse nel campo della oncologia sperimentale che ha dato origine ad una serie di studi relativi ai meccanismi che causano la tumorigenesi e la formazione di metastasi. Questi contributi hanno avuto ampia rilevanza internazionale ed hanno aperto nuove frontiere nella ricerca oncologica. In particolare, Il Dr. Piccolo è stato un pioniere nel campo dell'identificazione di geni capaci di sopprimere le metastasi, ed ha scoperto geni chiave che aumentano la malignità del tumore e la sua la resistenza ai trattamenti terapeutici.

Gli studi nel campo dell'oncologia molecolare e della trasduzione del segnale gli sono valsi numerosi riconoscimenti e premi, nazionali ed internazionali, e la nomina a membro di società scientifiche in Italia, Europa e Stati Uniti.

I suoi studi sono attualmente dedicati a comprendere quali fattori siano alla base della trasformazione cellulare, guardando al cancro come ad un "organo" complesso, al fine di arrivare a diagnosi sempre più precise e personalizzate, nonché ad identificare nuovi farmaci e trattamenti capaci di colpire il cancro nei suoi punti più deboli, preservando le cellule sane.

Commissione giudicatrice

Presidente
Dott. Piero Sierra
Presidente Fondazione

Cosima Baldari,
Università di Siena

Amedeo Columbano,

Università di Cagliari

Franco Dammacco,
Università di Bari

Antonio Moschetta,
Consorzio M.Negri Sud

Riccardo Vigneri,
Università di Catania

Maria Domenica Cappellini,
Consigliere FIRC-AIRC

Giuseppe Della Porta,
Consigliere FIRC-AIRC

Gabriella Pravettoni,
Consigliere FIRC-AIRC

Leggi anche

Vincitori delle edizioni precedenti

 

CONDIVIDI ora: